La Libreria “Alta Acqua” a Venezia

Chi non conosce Venezia? Globalmente riconosciuta icona d’italica bellezza, la città che da 1000 anni affonda come il romanticismo di cui è portabandiera; che s’inabissa sotto il peso di milioni di turisti che ogni anno colgono l’occasione della vita per ammirare Piazza San Marco, il Canal Grande o per fare un giro in gondola sotto il Ponte dei Sospiri. In un luogo così ricco di stereotipata e commercializzata bellezza è ancora possibile provare delle emozioni originali, sincere? A me è capitato, entrando nella libreria “Alta Acqua”.

Signor Gianni

DSC_2683

La libreria si trova in Calle Longa Santa Maria Formosa 5176, non lontano da Piazza San Marco ma distante dal massiccio flusso di turisti che solitamente si ferma non oltre Ponte dei Sospiri, a caccia di una banale cartolina del ponte utilizzato dai condannati a morte per giungere nelle prigioni del Doge ed erroneamente ritenuto luogo d’incontro di amanti clandestini. L’ingresso della libreria si affaccia su una piccola piazza, l’originalità del luogo s’intuisce immediatamente dalla presenza di una vecchia carriola stracolma di libri. Nella piazza si affaccia anche un affascinante studio di un artigiano che fabbrica le tradizionali maschere di carnevale veneziane. Purtroppo ha tappezzato la vetrina del suo laboratorio con minacciosi cartelli rivolti verso chiunque osi fotografare lui e lo studio. Completamente diversa l’accoglienza che riceviamo entrati nella “Libreria Alta Acqua”. Il proprietario, il signor Luigi Frizzi, accoglie chiunque con un sorriso, invitandoci ad esplorare e fotografare ogni angolo della libreria. Entrare significa immergersi completamente in un mondo che sa di antico. I libri sono ammucchiati in maniera apparentemente caotica, riempiono una gondola al centro della sala principale, colmano scaffali di legno o canoe appese alle pareti. In un angolo un’immagine di Corto Maltese troneggia su un’antica vasca piena di letteratura erotica. All’interno il visitatore è libero di sfogliare e leggere qualsiasi volume, c’è anche una sedia che si affaccia su un piccolo canale, si può sedere e leggere con i piedi quasi nell’acqua mentre gli occhi stupiti dei turisti in gondola ci passano davanti. In un piccolo giardino sul retro, una scala letteralmente fatta di libri usati consente al visitatore di guardare oltre un muro il canale attraversato da snelli ponti e su cui svettano magnifici palazzi seicenteschi.

DSC_2734

DSC_2678

Forse non sarà la più bella libreria del mondo ma è di certo una delle più suggestive. All’interno si percepisce che lo scopo ultimo non è quello di vendere i libri, piuttosto di dar vita ai libri. I libri, ognuno con la sua dote di conoscenza, sembrano ammassati, costretti in un mondo troppo piccolo a rivivere nelle più bizzarre delle situazioni. Qui i libri mi sembrano una metafora dell’umanità, ognuno di noi, come un libro, con la sua storia da raccontare.

DSC_2719

DSC_2711

Annunci

6 pensieri riguardo “La Libreria “Alta Acqua” a Venezia

  1. L’ho scoperta a capodanno, pure io nel tentativo di uscire dai soliti percorsi di massa. In una piccola piazzetta poco distante dai flussi turistici, vedo un gatto appollaiato sopra di una catasta di libri usati. Sarà stata la passione per i gatti o la curiosità per le cose insolite, sarà stata l’atmosfera magica che circondava quel posto…ma non ho dubitato un secondo e sono entrata! Barche, libri e gatti, una combinazione veramente insolita. Ad accoglierti un signorotto veneziano dall’aspetto simpatico e bonario ti dà il benvenuto invitandoti ad osservare il “quadro tridimensionale” mimetizzato tra gli scaffali stracolmi di libri apparentemente disposti senza alcun criterio. “Per osservare la sua stranezza devi camminarci davanti” ci dice…e in effetti, provare per credere (sconsigliato a chi soffre di mal di mare!).
    Pareti di libri dall’aria antica, rifiniti in oro e con copertine rigide, ti sostengo mentre osservi i bellissimi canali di Venezia e ti accompagnano in un vicoletto segreto, una sorta di via d’uscita secondaria.
    I visitatori sono attirati dall’inconsueto caos, un caos così bello che quasi appare ordinato, tra barche, gondole, gatti, ciotole di croccantini, quadri e ogni altra stranezza! Ma chi la vince rimane il libro. Ne trovi di tutti i tipi, antichi, vecchi, usati, nuovi, di ogni genere, di ogni stazza! In molti comprano, tanti osservano e scattano foto…come fosse una libreria/museo.
    Qui non importa se acquisti o meno…sarai sempre il benvenuto…l’importante è che tu sappia assaporare l’atmosfera e la bellezza di un luogo così singolare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...